films

Il Grande Gatsby


« Gatsby believed in the green light, the orgastic future that year by year recedes before us. It eluded us then, but that’s no matter: tomorrow we will run faster, stretch out our arms farther … and one fine morning…So we beat on, boats against the current, borne back ceaselessly into the past. »  (Nick Carraway)

« Gatsby credeva nella luce verde, nell futuro orgastico che anno dopo anno si ritira davanti a noi. Ieri ci è sfuggito, ma non importa: domani correremo più forte, allungheremo di più le braccia … e un bel mattino…
Così continuiamo a remare, barche contro corrente, risospinti senza posa nel passato. »

Un grande sogno, fa andare avanti anche nella dura realtà; un sogno che diventa una realtà complessa, fatta di tante sfaccettature ma con un unico punto finale: Daisy. In breve quello che è Il Grande Gatsby.

Firmato da Baz Luhrmann e tratto dal famoso romanzo di Francis Scott Fitzgerald, ha come protagonista un Leonardo Di Caprio in grande spolvero.

Costa settentrionale di Long Island e un giovane agente di borsa, Nick Carraway, che in un’estate si trova catapultato nel mondo finto di luci e lustrini, di feste in cui si riversa tutta la città; una villa che sembra più un castello, con un misterioso proprietario, Jay Gatsby. Nessuno sa niente di lui, se non per leggende che girano sul suo conto, nessuno, o quasi, sa esattamente che faccia abbia, resta nell’ombra, aspettando che tutto quel scintillio attiri Daisy, che aveva amato cinque anni prima e che ora risiede dall’altra parte della baia. Una luce verde, come un miraggio lontano fa sentire a Gatsby la ragazza vicina.

Un sogno fatto di colori, balli, feste sfrenate, che nasconde un desiderio profondo di riuscire a conquistare quella ragazza che qualche anno prima non poteva avere a causa della sua povertà; dall’altra parte c’è una realtà che sembra premiare solo chi quel denaro ce l’ha, con cui può permettersi qualsiasi cosa. Anche nascondere un omicidio. Il contrasto continuo tra il mondo che lavora e quello che vive solo delle sue ricchezze e del potere si vede ogni volta che da Long Island si va verso la città dove la gente lavora davvero.

Gatsby, un personaggio con mille sfaccettature, troppi segreti e una vita così piena di avventure da farlo sembrare irreale. Nessuno sa chi è, nessuno sa esattamente da dove sia arrivato,certo è che un personaggio così misterioso riesce ad avere attorno a sè tutti coloro che vuole.

Il Grande Gatsby è un flash back di quell’estate che Nick passa a Long Island, che lui scrive come terapia psichiatrica. Di quell’estate che sembra averlo reso folle, di quell’estate in cui gli succede di tutto, l’unica cosa che riesce a salvare è quella che alla fine riconosce come l’unica cosa reale, l’incontro con Jay e un’amicizia che nasce inaspettatamente, nonostante l’approccio iniziale di Gatsby sia opportunistico, per rivedere Daisy.

Un’amicizia che porta Nick a stare accanto a Jay nonostante non sappia niente di lui, nonostante ci siano troppe strane versioni della sua vita, nonostante capisca benissimo, almeno in principio, che quell’amicizia è solo per arrivare a Daisy. Ma proprio di fronte a questa cosa l’amicizia tra i due diventa vera; quando Nick non vuole niente in cambio per quell’incontro, lì Jay si rende conto che può finalmente fidarsi di qualcuno, che resterà con lui e si interesserà davvero della sua vita fino all’ultimo; quando i lustrini e le musiche sono finite e quel castello resta vuoto. Quella ricchezza che è solo un’illusione e che finisce per farti restare da solo se non entri in relazione con la persona e non solo coi suoi soldi.

Uno dei più bei film, forse il più bello, che ho visto ultimamente. Una complessità scenica e una coralità filmica che raramente si trova. Colori stupendi e che ben si adattano al film, luci, lustrini e grandi feste che mettono in luce la grandezza di un sogno e di una grande macchina creata per trovare la donna amata. Quella luce verde di speranza a cui Jay avvicina la  mano, e una sorta di ingenuità, nonostante le ricchezze ottenute, di un ragazzo che in fondo crede ancora che il suo sogno diventi realtà.

Il-grande-Gatsby-Character-poster Il-Grande-Gatsby-Nuove-Clip-e-Foto spot-segreti-il-grande-gatsby-14199

Annunci

5 thoughts on “Il Grande Gatsby

  1. Il film non l’ho ancora visto, ma ho letto il libro e sentito qualche canzone su iTunes. Baz Luhrmann è una garanzia e da quello che ho letto gli elementi della trama sono proprio il suo pane…lo vedrò poi ti saprò dire! 😉

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...